Il Crotone dovrà lottare fino alla fine per salvarsi

Calabria, Giovedì 02 Novembre 2017 - 14:35 di Redazione

La vittoria per 2-1 contro la Fiorentina nella scorsa giornata di campionato è stato un segnale importante per il Crotone. La squadra calabrese allenata da Davide Nicola, che si è salvata l’anno scorso dalla retrocessione con una splendida rimonta nel girone di ritorno, ha ottenuto 9 punti in undici partite di campionato e farà di tutto anche quest’anno per non retrocedere e continuare a dare gioie ai propri tifosi. Il trionfo ottenuto con due gol in 20 minuti contro la Viola è stato importante a livello psicologico per la squadra calabrese, che veniva dalla batosta rimediata a Genova contro la Sampdoria (un sonoro 5-0) e dalla sconfitta con la Roma. Smuovere la classifica dimostrando di avere carattere e di non voler arrendersi mai è stato un segnale importante per ripartire. I tre punti ottenuti la settimana scorsa significano la seconda vittoria di quest’anno e hanno permesso al Crotone di uscire dalla zona retrocessione.  

Chi si diverte scommettendo sulle partite di calcio in programma in Serie A potrebbe avere una simpatica e piacevole sorpresa puntando sulla salvezza del Crotone, una squadra guerriera che lotterà fino alla fine per evitare di scendere in B, dato che la concorrenza è spietata. Se diamo un’occhiata alla classifica del campionato, infatti, notiamo come, a parte il Benevento, la battaglia è tra sei o sette squadre che resteranno nei bassifondi del campionato fino a maggio, quando si faranno i conti definitivi. Con il Genoa e il Verona penultimi a quota 6 abbiamo due squadre con storia e una tifoseria importante alle spalle che verosimilmente potranno recuperare durante la stagione, un po’ come fatto la stagione scorsa dal Crotone. Con 2 punti in più si trovano Spal e Sassuolo, due realtà dell’Emilia Romagna che non vorranno perdere il prestigio di giocare in Serie A, qualcosa che i ferraresi hanno conquistato solo la scorsa primavera, ritornando nella massima serie dopo tantissimi anni.  

Insieme al Crotone c’è invece il Cagliari, forse la squadra più attrezzata per soffrire di meno, che conta su un calciatore di talento come Joao Pedro, un lusso per chi lotta per la salvezza. Si ha quindi l’impressione che il Crotone dovrà sudare fino a maggio per riuscire a restare in A, e Nicola dovrà puntare molto sulla vena realizzativa di Ante Budmir, attaccante croato che ha già giustiziato la Fiorentina, oltre che sul talento del centrocampista svedese Marcus Rohden. Entrambi sono i migliori marcatori della squadra, con 2 reti a testa a referto. Un altro elemento importante per Nicola è Rolando Mandragora, centrocampista tecnico e d’ordine proveniente dalla scuola Juve.

Un ottimo banco di prova sarà la partita di sabato prossimo contro il Bologna al Dall’Ara, con gli uomini di Donadoni che vogliono tenersi lontani dalla zona retrocessione, dalla quale distano 8 punti. Per il Crotone sarà fondamentale fare punti in un campo difficile e continuare a rinvigorire la propria fiducia per un’altra stagione storica.



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code