Top & flop di Catanzaro-Akragas: Riggio il migliore

Catanzaro, Mercoledì 04 Ottobre 2017 - 11:04 di Redazione

Conclusa la gara valida per il settimo turno del girone C di serie C fra Catanzaro e Akragas, 3-1 il finale per i calabresi che tornano così al successo dopo la netta sconfitta interna con il Lecce e la gara non giocata sul campo della Sicula Leonzio. Sull'altro fronte i siciliani sono alla seconda sconfitta consecutiva, maturata soprattutto nel primo quarto d'ora, quando si trovavano già sotto di due reti. Vantaggio Calabrese in apertura con Letizia abile a procurarsi un rigore per fallo ai suoi danni di Pisani. Lo stesso attaccante giallorosso ha spiazzato Vono dagli undici metri. Continuano a spingere i ragazzi di Erra, con Puntoriere che con il destro su assist di Falcone mandava la palla a lato di poco. Il raddoppio avveniva poco dopo il quarto d'ora: angolo di Letizia e Riggio in beata solitudine di testa batteva Vono. Gli ospiti non ci stavano a perdere e si rendevano pericolosi con Longo che scaldava le mani a Nordi e poi vanno in rete con Sepe, innescato da Salvemini, abile a rubare palla a Marin. Il Catanzaro accusa il colpo e rischia di subìre il pareggio con Parigi, il quale da dentro l'area trova il modo di mettere a lato da posizione invidiabile. Ripresa molto intensa, che ha visto la truppa di Di Napoli cercare con insistenza e, a tratti, veemenza la rete del pareggio. In apertura Salvemini ha reclamato il rigore per un presunto contatto con Marin. Ci prova ancora lo stesso attaccante ospite con un tiro da fuori respinto da Nordi, poi si avventa Parigi, il quale si vede anticipare dalla provvidenziale chiusura di Riggio. Con il passar del tempo i calabresi alzano la testa e si rendono pericolosi, prima con una sventola di Zanini e poi con il neoentrato Cunzi il quale si allunga la sfera prima di entrare in contatto con il portiere in area. L'estremo difensore va verso l'attaccante giallorosso, protestando nei suoi confronti, ritenendo che avesse fatto simulazione. Si crea un capannello dal quale l'arbitro ristabilisce la calma dopo aver ammonito Vono e Carretta. Poco dopo arriva la terza rete del Catanzaro sull'asse Infantino-Cunzi con pallonetto delizioso di sinistro di quest'ultimo. Vediamo quindi i Top & Flop del confronto:

TOP

Riggio (Catanzaro): quando una squadra segna tre reti è logico mettere un attaccante fra i migliori, ma stavolta facciamo un'eccezione ed inseriamo un difensore. L'ex di turno non solo ha firmato il gol del momentaneo 2-0 con un preciso inserimento in area avversaria, ma è stato provvidenziale con le sue diagonali a salvare su conclusioni avversarie. DECISIVO

Sepe (Akragas): se i siciliani tornano in partita poco dopo la mezz'ora del primo tempo il merito è suo, mostra freddezza nel raccogliere l'assist di Salvemini e battere Nordi. Complessivamente fornisce il suo contributo alla squadra facendo tutta la fascia, appoggiando la manovra offensiva e ripiegando per limitare le ripartenze avversarie. VOLITIVO

FLOP

Marin (Catanzaro): Erra lo schiera a destra del pacchetto arretrato, ma lui non risponde al meglio. Sul gol dell''Akragas non controlla al meglio la palla, favorendo Salvemini che poi manda Sepe davanti a Nordi. Soffre terribilmente anche ad inizio ripresa l'asse Sepe-Salvemini, inducendo il proprio tecnico a sostituirlo. INCERTO

 L'approccio alla gara dell'Akragas: il rammarico dei siciliani sta proprio nel primo quarto d'ora, dove la squadra di Di Napoli ha subìto gli avversari andando sotto di due reti. I biancazzurri sono parsi in questa fase troppo fragili in difesa e poco convinti negli altri reparti, poi quando si sono svegliati hanno creato grattacapi agli avversari. COLPEVOLE RITARDO



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code