Cardamone (FI): non siamo a caccia di traditori, ma avremo anticorpi

Catanzaro, Giovedì 08 Novembre 2018 - 15:29 di Redazione

Il centrodestra a trazione Forza Italia ha riconquistato l’Amministrazione Provinciale, dopo la parentesi tutt’altro che esaltante della presidenza Bruno. Unito alla vittoria alla Provincia di Vibo Valentia, questo risultato conferma lo stato di buona salute del centrodestra calabrese alla vigilia di scadenze elettorali generali come le europee e le regionali. Il dato politico essenziale è questo. Si potrà ragionare quanto si vuole di percentuali, di voto disgiunto o altro, ma da oggi il centrodestra si riprende con Sergio Abramo la guida di un Ente dove ha sempre dato, da Michele Traversa a Wanda Ferro, esempio di buon governo. Occorre rimboccarsi le maniche e ripartire, con sempre maggiore convinzione e determinazione, dare risposte ai Comuni dell’intera provincia,lavorare per una saldatura tra le due principali città, Catanzaro e Lamezia Terme e una valorizzazione delle coste e delle aree interne. Sul piano politico cittadino ritengo però necessario fare qualche riflessione su alcune dinamiche avvenute nel voto. Nascondere la polvere sotto il tappeto non servirebbe. Un’approfondita analisi all’interno di Forza Italia, peraltro sollecitata dal coordinatore provinciale Mimmo Tallini, potrà solo fare bene ad un partito in fortissima crescita in città e in provincia. Girarsi dall’altra parte significherebbe solo aprire una stagione dell’ingovernabilità, caratterizzata da colpi bassi, trabocchetti, scorrettezze che minerebbero l’azione di buon governo che stiamo portando avanti al Comune e che presto porteremo alla Provincia. Bisogna partire,senza per questo volere fare processi sommari, da due dati inconfutabili. Il primo è che al presidente Abramo sono mancati due voti dalla maggioranza che lo sostiene al Comune. Il secondo è che è venuta meno la meritata riconferma del consigliere Andrea Amendola. Anche in questo caso,è venuto meno un voto decisivo. Si tratta di comportamenti gravi anche perché siamo di fronte a decisioni assunte alla luce del sole, con dichiarazioni pubbliche, che si sono tramutate in azioni scorrette compiute nel segreto dell’urna, sconfessando quanto era stato stabilito all’unanimità e senza voci contrarie nelle riunioni di partito. Gli autori ne risponderanno innanzitutto alla propria coscienza. E’ questo il richiamo alla lealtà fatto anche da Mimmo Tallini e rivolto a tutti i leader della coalizione. Forza Italia non è alla “caccia dei traditori”, ma sicuramente utilizzerà tutti gli anticorpi necessari per evitare che tali discutibili pratiche possano danneggiare l’immagine del partito e delle istituzioni che rappresentiamo. Al consigliere Amendola esprimo la mia solidarietà politica e personale,nella certezza che questo non edificante episodio non intaccherà il suo entusiasmo e il suo impegno nel Consiglio comunale.

Ivan Cardamone Coordinatore Cittadino Forza Italia



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code