Tosap carrellati, richiesta convocazione del Consiglio Comunale

Catanzaro, Mercoledì 10 Ottobre 2018 - 19:43 di Redazione

Le Associazioni “Il Pungolo per Catanzaro”, in persona del Presidente in carica p.t., Avv. Francesco Pitaro,  “I Quarteri”, in persona del Presidente in carica p.t., Alfredo Serrao, e l’UPAC (Unione Professionisti Amministratori Condomini) in persona del Presidente in carica p.t. Avv. Michele Orefice, con il presente atto   PREMESSO   -che il Consiglio Comunale di Catanzaro con la deliberazione illegale ed illogica N. 57/2018 ha previsto a carico degli utenti catanzaresi oltre al pagamento della Tari (tassa per la raccolta rifiuti) anche la Tosap ( tassa occupazione suolo pubblico) per i bidoni;   -che, in buona sostanza, a fronte di un solo servizio (raccolta rifiuti), il Comune pretende dalla comunità dei catanzaresi un doppio tributo (Tari e Tosap); -che tutto ciò è, con tutta evidenza, illogico ed illegale, non potendo il Comune pretendere due tributi se il servizio è uno solo;   -che con atto del 7/6/2018 è stato, invano, chiesto al Comune di Catanzaro il ritiro di quella illegale ed illogica delibera con cui è stato previsto un indebito doppio tributo; -che è stato spiegato, anche alla luce degli ultimi arresti giurisprudenziali, che la Tosap non può essere versata dagli incolpevoli utenti (che già versano la Tari) ma dalla società che si occupa della raccolta dei rifiuti o dallo stesso Comune di Catanzaro; -che, inoltre, è stato inviato, sulla questione, dalle scriventi Associazioni, un esposto al Prefetto di Catanzaro e all’Anac chiedendo che si faccia chiarezza su tutto nonché l’acquisizione di tutte le carte comprese quelle relative all’appalto per la raccolta dei rifiuti; -che, inoltre, a seguito delle censure mosse al doppio tributo dalle scriventi Associazioni, nel corso del Consiglio Comunale del 2/8/2018 i consiglieri Bosco, Fiorita, Celia, Costanzo e Rotundo hanno proposto un Atto di Indirizzo al fine di indurre il Consiglio Comunale a ritirare la doppia tassa e la Tosap sui carrellati e a modificare in tal senso il Regolamento comunale per la gestione integrata dei rifiuti urbani e dei rifiuti speciali ad essi assimilati; -che nel corso di quel Consiglio Comunale molti consiglieri, anche appartenenti alla maggioranza, hanno pubblicamente espresso il loro dissenso sull’applicazione del doppio tributo; -che quell’Atto di Indirizzo non è stato immediatamente posto in discussione dal Consiglio Comunale ma avrebbe dovuto essere istruito dagli Uffici del Comune per poi “tornare” in Consiglio al fine di permettere al Consiglio Comunale di rideterminarsi; -che il Consiglio Comunale è l’organo politico collegiale al quale deve essere consentito di esprimersi nell’esercizio delle proprie tipiche prerogative; -che, pertanto, quell’Atto di Indirizzo non può arenarsi nei meandri degli Uffici Comunali ma deve essere tirato fuori al fine di permettere ai consiglieri comunali di votare; -che tutto ciò è ancor più necessario alla luce dell’ultima nota stampa dell’Assessore all’Ambiente che ha annunciato l’applicazione di sanzioni nei confronti degli incolpevoli utenti che già pagano la Tari per la raccolta rifiuti e dai quali si pretende il pagamento di un ulteriore indebito tributo; -che, insomma, mentre da un canto in Consiglio Comunale è stato depositato un Atto di Indirizzo (condiviso da molti consiglieri) per l’estinzione del doppio tributo, dall’altro canto l’Assessore al ramo disattendendo l’atto di indirizzo e l’imminente Consiglio Comunale che dovrà essere convocato insiste con la pretesa di ottenere l’indebito doppio tributo; -che tutto ciò non è ulteriormente tollerabile;   -che, pertanto, è necessario che il Presidente del Consiglio Comunale di Catanzaro e il Sindaco del Comune di Catanzaro convochino con sollecitudine, in merito al detto Atto di Indirizzo, e a seguito degli atti notificati dalle scriventi Associazioni, il Consiglio Comunale di Catanzaro al fine di permettere allo stesso di determinarsi sul detto atto di indirizzo e di votare sull’estinzione del doppio tributo e sulla conseguente modifica del Regolamento comunale per la gestione integrata dei rifiuti speciali ad essi assimilati. Tutto ciò premesso, con il presente atto, che viene inviato anche al Prefetto di Catanzaro, che deve vigilare sul corretto funzionamento degli enti locali, si CHIEDE che il Presidente del Consiglio Comunale di Catanzaro e il Sindaco del Comune di Catanzaro vogliano, con estrema sollecitudine, convocare il Consiglio Comunale di Catanzaro al fine di permettere a tutti i consiglieri di esprimersi e di votare sull’Atto di Indirizzo depositato il 2/8/2018 in Consiglio Comunale e comunque di deliberare in merito all’estinzione del tributo Tosap sui carrellati che è illogico ed ingiusto e contra legem con la conseguente modifica del Regolamento comunale per la gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti speciali ad essi assimilati.   Si chiede, inoltre, che il Sindaco e il Presidente del Consiglio Comunale vogliano fissare un incontro con le scriventi Associazioni affinchè le stesse possano esporre la detta problematica sotto ogni profilo. Con ogni riserva e salvezza. 

 Avv. Michele Orefice     UPAC         

Alfredo Serrao       I Quartieri

Avv. Francesco Pitaro  Il Pungolo per Catanzaro

                                         

        

 



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code