Donna investita a Lido, Celia: "Obbligatorio depotenziare il rischio di incidenti stradali"

Catanzaro, Venerdì 10 Agosto 2018 - 09:19 di Redazione

“Le tragedie sono improvvise, la vita non è mai garantita a nessuno ma, di certo, di fronte ad un terribile incidente come quello avvenuto ieri sera sulla statale 106 a Catanzaro Lido, dove una donna è stata investita e uccisa da un’auto mentre attraversava la strada, è necessario porsi numerosi interrogativi in merito al grado di sicurezza della strada in questione”.

Lo afferma il consigliere comunale di FareperCatanzaro, Fabio Celia, all’indomani di un incidente stradale avvenuto nel quartiere Lido, su viale Crotone, dove una donna di 60 anni è stata investita da un’auto perdendo la vita.

“La strada in questione - prosegue Celia – è la stessa che da tempo, istituzioni e cittadini denunciano essere estremamente rischiosa. Il pericolo è l’alta velocità che si raggiunge in quello che è un centro abitato, densamente popolato, in prossimità del quale da anni si richiede la realizzazione di una rotatoria che regoli e rallenti il traffico e di dissuasori che impediscano alle auto di raggiungere quelle alte velocità.

La vittima della tragedia di ieri stava attraversando la strada in prossimità del supermercato, che non è l’unico esercizio commerciale della zona, anzi. Sono diversi quelli collocati su viale Crotone e lungo tutta la statale 106, pertanto è obbligatorio depotenziare il rischio di incidenti stradali, che si susseguono periodicamente e che ancora una volta hanno distrutto l’esistenza di una famiglia. Pretendere pubblicamente che le istituzioni competenti intervengano immediatamente, dopo l’incidente mortale di ieri sera, potrebbe apparire come una mia personale strumentalizzazione dell’evento tragico, magari a fini politici, per cavalcare la totale indifferenza dimostrata fino ad oggi.

Tuttavia, - conclude Celia – l’omertà ed il silenzio d’innanzi a tali episodi sono decisamente peggiori e non possono appartenere a chi come me occupa un ruolo istituzionale. I cittadini ci chiedono a gran voce sicurezza e servizi, ma entrambi puntualmente vengono meno. Le parole ormai non servono più. Catanzaro piange un’altra vittima del caso, della fatalità. Ma a volte la vera causa di tali tragedie è semplicemente da ricercare nella superficialità e nell’incompetenza di chi ha il potere di agire, eppure per mille ragioni e giustificazioni, alle quali i catanzaresi non credono più, non agisce mai”.



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code