Usb: "Strisce blu a Catanzaro, ma blu di vergogna"

Catanzaro, Lunedì 12 Marzo 2018 - 17:20 di Redazione

"Prosegue spedita l'opera di violazione delle norme vigenti da parte degli amministratori Amc. Oggi parliamo di strisce blu! Posto che il DPR 495/1992 dispone le dimensioni minime degli stalli destinati a strisce blu, tra 2,3 e 2,5 metri di larghezza e tra i 4,5 e i 5,5 metri di profondità, amministrati e grandi manager, della AMC,   supportati da personale qualificato e specializzato del settore domenica 11 Marzo, festivo straordinario?,  provvedono a ridisegnare l'area strisce blu antistante il palazzo della provincia. Probabilmente nelle fasi concitate del lavoro distrattamente hanno dipinto di blu anche l'unico posto destinato al carico e scarico merci vitale per le attività economiche della zona, alcune delle quali hanno chiamato la USB, segnalando che tutte le denunce fatte fino ad oggi hanno un fondamento.. anche i commercianti sono STUFI!! I commercianti sono diventati come i puffi alla visione delle strisce STORTE In aggiunta la misurazione di quanto disposto dall'azienda non coincide con quanto citato in precedenza – strisce blu strette e curve!!  Che dire!!!!  Decreti e codice della strada non si applicano nella città di Catanzaro, o magari si pensava di aumentare proficuamente la capienza del parcheggio….Aggiungendo tale episodio al corollario precedente denunciato da USB, si rafforza l'orientamento deciso dal Sindaco Abramo con sponsor politici annessi per la gestione di questa partecipata. Utenti, dipendenti e cittadini in attesa di pronunciarsi in merito, forse la pensano diversamente, anticipando un giudizio politico nazionale epocale in negativo che ha salde radici locali.  Purtroppo per USB,  le problematiche lavorative suppongono una controparte datoriale, la cui assenza danneggia l'intera collettività. E' per tale interesse, collettivo, che speriamo a breve di avere interlocutori nuovi e rispondenti alle attese dei cittadini. Nelle more che demoliscono la citta di Catanzaro abbiamo scritto al prefetto di Catanzaro, per un urgente incontro per illustrare le magnificenze e la mancanza di diritti nella città.   – ci dispiace fare paragoni ma oggi leggiamo che a Catanzaro vige la legalità corretta, si chiudono bar per presunti infiltrazioni, ci chiediamo ma come mai nei servizi pubblici dove amministrano condannati non si interviene allo stesso modo??"       

USB lavoro privato – provincia di Catanzaro

Galleria fotografica

3 Foto allegate



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code