"Dal cubo bianco al cubo nomade" sabato al MARCA.

Catanzaro, Mercoledì 02 Maggio 2018 - 20:40 di Redazione

 

Sabato 5 maggio alle ore 11.00 sarà presentato al MARCA, Museo delle Arti Catanzaro il libro di Silvia Pujia “DAL CUBO BIANCO AL CUBO NOMADE. Pratiche di decostruzione dell’istituzione museale”, edito da Sensibili alle foglie che vede la prefazione di Simonetta Lux e la postfazione di Giorgio de Finis.

Alla presenza dell’autrice, interverranno Simonetta Lux, già ordinario di Storia dell'arte contemporanea presso l'Università "La Sapienza" di Roma, Cesare Pietroiusti, artista, modererà l’incontro Simona Caramia, docente dell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro.

Il volume è l’esito del Master in Curatore di Arte Contemporanea conseguito dall’autrice nel 2012 sotto la guida della prof.ssa Lux presso l’Università di Roma Sapienza. Intende rintracciare le principali trasformazioni museologiche avvenute nel corso XX secolo - dalle Avanguardie passando per l’Institutional Critique degli anni Sessanta e Settanta fino agli anni Ottanta del Novecento - concentrandosi poi sulle tendenze che negli ultimi decenni hanno contribuito a decostruire la convinzione che l’arte abbia bisogno necessariamente di un luogo in cui dimorare.

Vuole quindi essere una riflessione sull’identità e sulla validità del museo oggi e nel farlo intende tracciare una panoramica delle istituzioni museali nate o che stanno nascendo per le quali il contenitore conta più del contenuto, o meglio il cui contenitore è diventato esso stesso contenuto. Parallelamente dedica grande attenzione alle recenti istanze critiche nei confronti dei luoghi istituzionali e deputati del mondo dell’arte, che per intento programmatico e modalità operative sono ascrivibili a un’attuale critica istituzionale, potremmo dire di terza generazione.

Nuove idee di museo, di un museo altro, a carattere rizomatico e aperto alla contaminazione continua che estende il proprio campo d’azione oltre il suo contenitore per inserirsi nomadicamente in qualsiasi luogo, come esito finale della decostruzione in vari stadi del museo neutrale, asettico e chiuso del White cube modernista.

Nel dettaglio vengono analizzate tre esperienze, tutte romane, che si pongono al di fuori delle pratiche istituzionali o istituzionalizzate sia in senso fisico, non agendo se non in modo parassitario negli spazi espositivi ufficiali, che per intenti: il Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz_città meticcia di Giorgio De Finis, il Museo all’aria aperta di Fausto Delle Chiaie e il Museo dell’arte contemporanea italiana in esilio di Cesare Pietroiusti.

 

 

 

Silivia Pujia (Lamezia Terme, 1985) Laureata in Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università di Roma Sapienza dove consegue il Master in Curatore di Arte Contemporanea. Attualmente è docente a contratto presso l’Accademia di Belle Arti di Verona e collabora con diversi enti museali del territorio calabrese tra cui il MAON di Rende e il MARCA di Catanzaro. Affianca alla pratica critica e curatoriale quella artistica, interessandosi alle attuali istanze pubbliche e relazionali.

Galleria fotografica

2 Foto allegate



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code