Al Circolo Placanica la "letteratura drogata"

Catanzaro, Giovedì 14 Giugno 2018 - 09:56 di Redazione

L'uso di sostanze stupefacenti da parte di artisti e letterati di estrazioni diverse negli ultimi due secoli, è stato analizzato e raccontato ai soci ed amici del Circolo Placanica dal Prof. Luigi La Rosa e dal Presidente del Circolo, Venturino Lazzaro, che in un "rimbalzo di linea" hanno affrontato il problema sia dal punto di vista strettamente storico-letterario che dal punto di vista medico-scientifico. Dalla importazione in larga scala dell'Hashish da parte dei soldati di Napoleone reduci della campagna d'Egitto, fino alla sintesi e all'utilizzo dell'LSD e delle ultime droghe sintetiche, sono state rievocate le motivazioni, le pulsioni, le aspettative, ma anche le delusioni e i drammi di uno stuolo di letterati che intorno al mito del "dualismo" e della "dissociazione mentale" hanno costruito e raccontato le loro esperienze sociali e il loro vissuto esistenziale. Dagli "scapigliati" dell'800 alla Beat Generation, sono state ricordate le opere più celebri e più significative, con una serie di aneddoti e di richiami riguardo alla vita e alle esperienze degli autori più famosi. Emblematico esempio di ricerca, e contemporaneamente di condanna, della esperienza di "dissociazione" e di dualismo è stata il "Dottor Jekyll e Mr. Hyde" di Robert Louis Stevenson anch'esso assiduo consumatore e sperimentatore di droghe, sempre alla ricerca di metodi espressivi nuovi ed efficaci. Il prossimo, importante appuntamento del Circolo è per la prossima settimana, quando, il 20 Giugno, alle ore 18,00, si terrà l'Assemblea conclusiva, con l'elezione per il rinnovo delle cariche sociali per il biennio 2018.2020.



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code