Cittadino, poetessa a tutto tondo

Catanzaro, Giovedì 28 Settembre 2017 - 12:19 di Redazione

Sala gremita e pubblico qualificato: la presentazione del volume di poesie in dialetto catanzarese “Sgrusci d’acqua e schìcci ‘e focu” di Angela Maria Cittadino, pubblicato nei giorni scorsi dalle Edizioni Ursini, ha confermato ancora una volta che in città esiste una fascia considerevole di lettori di poesie e che le iniziative promosse dalla casa editrice catanzarese e dall’Accademia dei Bronzi hanno ormai un seguito più che consolidato. Dopo i saluti di Antonio Montuoro, che ha brillantemente coordinato i lavori, e di Alessio Sculco, assessore comunale alle attività economiche e alla innovazione tecnologica, ha relazionato Mario Cosco, critico della casa editrice. “La poesia - ha evidenziato Cosco - ancora una volta ha compiuto il miracolo: far ritrovare accomunate dallo stesso interesse sensibilità, storie ed intelligenze così diverse fra loro! Per la realizzazione di quest’opera fortissime sono state le mie sollecitazioni all’editore e intensi gli incontri durante i quali si è valutata la possibilità di dare alle stampe le poesie di Angela Maria. L’ho fatto, e non mi pento di questo, perché ero rimasto affascinato dalla poesia della Cittadino fin dal primo occasionale approccio al suo mondo poetico. L’intensità lirica che ho percepito e continuo a sentire leggendo le sue poesie è così vibrante da provocarmi una vertigine spirituale di rara intensità emotiva”. “Angela, con ogni sua poesia, - ha sottolineato il critico delle edizioni Ursini - sembra dar voce all’ininterrotto accadere della vita. Il suo discorso poetico è ricolmo di pensiero, spesso declinato in senso radicale, rannicchiato nel silenzio di una simbologia legata alle figure del fuoco e del mare e propiziato dalla liturgia della luce e del buio. E ciò regala una dimensione magica ai suoi componimenti; arricchiti da una cifra personale di educatrice ed intellettuale, ad un tempo”. La presentazione critica è stata brillantemente intervallata dalla lettura di alcuni brani da parte degli attori Antonio Orlando e Annarita Palaia, coadiuvati, nella parte finale, da figlia della poetessa, Annarita Scavello. Un insieme di voci di grande effetto che ha suscitato intense e palpabili emozioni. L’incontro si è concluso coni saluti dell’autrice. “Il dialetto come ogni linguaggio radicato in un popolo di cui ne conserva il patrimonio genetico – ha sottolineato Angela Maria Cittadino - è  per me vibrazione emozionale di una storia; l’ho usato a scuola come proposta teatrale maturando con gli alunni un’esperienza in cui le parole trovavano una  densità, uno spessore e una musicalità che riuscivano a far vibrare le corde dell’emozione e, forgiate tra loro, riuscivano a dare e produrre a volte autentica poesia”. “Nelle mie poesie - ha aggiunto - il dialetto è ricco di suoni di echi materni, è saturo di implicazioni affettive capaci di dar voce al mondo interiore, è quasi un regno della memoria dato che nella realtà il suo uso quotidiano tende inesorabilmente a restringersi ed impoverirsi”. Tutte le poesie, per una maggiore comprensione, presentano a piè di pagina la relativa traduzione in italiano. Il libro, insomma, è di facile lettura e aiuta a conoscere più approfonditamente l’idioma catanzarese.



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code