"Nessuna discriminazione perché madre ed unica affidataria di figlio minore"

Catanzaro, Venerdì 29 Settembre 2017 - 13:58 di Redazione

Con sentenza n. 1704/2017 del 26.09.2017 la Corte di Appello di Catanzaro - Sezione Lavoro, in riforma della sentenza del Tribunale di Catanzaro n. 116/2017, ha accolto il ricorso presentato dall’avv. Domenico Giampà nell’interesse di una Società leader della ristorazione, condannando in solido al pagamento delle spese del doppio grado di giudizio la dipendente e l’Ufficio delle Consigliere di Parità della Provincia di Catanzaro. Ed era attesa la pronuncia della Corte di Appello di Catanzaro, su questa delicata controversia in materia di lavoro, posta in rilevo anche su tale testata l’aprile scorso, poiché interessa una Società leader della ristorazione (operante anche sul territorio catanzarese, con due punti di vendita) ed una lavoratrice S.R., che denunciava di essere stata discriminata a causa del suo staus di genitore,  unico affidatario di figlio minore. A supporto della lavoratrice, si era schierata anche la Consigliera delle Pari Opportunità, la quale, attraverso una nota della titolare, lo scorso 5 aprile, esprimeva gioia e compiacimento per la vittoria della fase di opposizione del giudizio di primo grado. In sostanza, la Corte di Appello, esaminate le trentaquattro pagine di ricorso in appello del legale della multinazionale, disattendendo la tesi della discriminazione “indiretta”, basata su un mero dato statistico e sostenuta dal solo Giudice dell’opposizione di primo grado, ha anche condannato la dipendente e la Consigliera di Pari opportunità (volontariamente intervenuta in giudizio), al pagamento in solido delle spese del doppio grado di giudizio. In attesa di conoscere le motivazioni della sentenza, si registra la soddisfazione del legale rappresentante della Società interessata, fortemente provato dalla vicenda giudiziaria, anche perché la sua azienda, il cui organico è composto da n. 141 lavoratori, di cui n. 70 uomini e n. 71 donne (di cui n. 30 mamme con 46 figli a carico, tutte stabilizzate, alcune anche dopo la maternità), è sempre stata sensibile ai problemi di tutti i suoi dipendenti, senza distinzione alcuna, ed ha sempre operato con la diligenza del buon padre di famiglia.



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code