Nuova camminata a Taverna dell'asd Calabriando UISP di Catanzaro

Catanzaro, Martedì 07 Novembre 2017 - 20:00 di Redazione

Continuano le camminate dell'asd Calabriando di Catanzaro e del Comitato Territoriale UISP "Unione Italiana Sport Per tutti" di Catanzaro alla scoperta del nostro territorio e delle bellezze storiche, artistiche, naturalistiche ed enogastronomiche della Calabria. Domenica scorsa il gruppo ha realizzato la sua 134ª camminata in appena cinque anni di attività (il cammino è cominciato il 1 maggio 2012 presso l'acquedotto del Visconte di Catanzaro), e questa volta si è svolta a Taverna.          L’iniziativa, a carattere ricreativo e ludico motorio, è stata ideata dallo "Uispino" Carmelo Sanzi ed ha avuto per titolo “A Taverna, per scoprire il percorso che va da Mattia Preti al Guercino”. Tra gli scopi non c'era infatti solo la promozione della conoscenza del territorio di Taverna (Cz) e delle sue infinite risorse, ma anche il tentativo di far conoscere le opere e l’arte del pittore calabrese Mattia Preti e del collega ferrarese Guercino, in occasione della bellissima mostra/confronto tra i due allestita nel Museo Civico di Taverna.          Il gruppo (circa una quarantina di camminatori) è partito  dalla chiesa di San Martino a sud est dell’attuale abitato. Accompagnati nel percorso da Marco Gentile e dall'assessore Rosario Amelio, i camminatori hanno raggiunto sulla provinciale asfaltata, dopo circa 500 metri, il ponte che scavalca il Fiume Litrello, uno dei due piccoli grandi fiumi che scorrono a destra e a sinistra dell’abitato di Taverna (l’altro è il più noto Alli). I soci di Calabriando si sono quindi inoltrati lungo il fiume seguendo un antico acquaio fino alla presa della sorgente Litrello, che porta acqua a Taverna, fino a giungere presso la cascata sull’omonimo fiume. Da qui, salendo su ardite scalette in pietra costruite lungo la ripida parete rocciosa, inerpicandosi sopra antichi terrazzamenti che sono testimonianza del lavoro di intere generazioni, e superando in sicurezza il tratto difficile con l’ausilio di corde, il gruppo è risalito fino allo scrigno della ditta di Giuseppe Tarantino, artigiano locale che lavora e produce ancora oggi artistiche pipe a mano. Quello che da fuori sembra un normale capannone, è infatti custode del lavoro dell'artigiano che, aiutato dalle giovani figlie e dalla sua famiglia, rinnova l'antica e complessa tradizione calabrese di lavorazione delle pipe, partendo dal ciocco di radica bagnato e poi lavorato fino alla produzione di una pipa finita, lucida e rifinita con le caratteristiche striature. Tarantino è uno degli ultimi e pochi artisti della pipa ancora attivi in Italia, ed è famoso per l'alta qualità del prodotto che immette nel mercato.          Il gruppo, dopo la pausa pranzo, è stato accolto festosamente dall'Assessore alla cultura del Comune Clementina Amelio che ha illustrato le caratteristiche della chiesa di Santa Barbara, che conserva tante opere di Mattia Preti (1613-1699), tra cui la grande tela d'altare "Il patrocinio di Santa Barbara" e bellissimo "battesimo di Cristo". Nell'occasione, grazie alla collaborazione del parroco della chiesa e del priore della locale confraternita, è stato possibile anche visitare il coro ligneo della confraternita del SS. Salvatore ospitato in questa chiesa e recentemente restaurato a nuova vita. Successivamente i camminatori si sono spostati (sempre rigorosamente a piedi) presso il Museo Civico per vedere, con l'ausilio delle guide museali, le altre opere di Mattia Preti, messe a confronto in maniera inedita con quelle del coevo Giovanni Francesco Barbieri, detto il Guercino (1591-1666), grande pittore originario di Cento.          Quattordici le opere del maestro ferrarese ospitate temporaneamente nel Museo, molte di più quelle di Mattia Preti e di altri grandi artisti del seicento (Gregorio Preti, Luca Giordano). Infine nella adiacente chiesa monumentale di san Domenico è stato possibile ammirare la grande collezione di tele pretiane, in primis "la predica di san Giovanni Battista" con il celebre autoritratto dell'artista in abito di Cavaliere di Malta, e il "Cristo fulminante" sull'altare maggiore.          Alla fine sono stati circa dieci i chilometri macinati dai camminatori della asd Calabriando del presidente Walter Fratto, che organizza ormai con cadenza quasi quindicinale escursioni, camminate, iniziative sportivo-culturali nella natura, per promuovere l'attività motoria per il benessere psico-fisico dei soci e il turismo "lento", che possa permetterci di godere davvero della nostra meravigliosa terra. La società sportiva è affiliata al Comitato UISP di Catanzaro (presidente Felice Izzi), che da molti anni si batte per sostenere buone pratiche sportive che siano ecosostenibili, rispettose dell'ambiente e soprattutto davvero aperte "a tutti", come suggerisce il nome dello storico ente di promozione sportiva che esiste sin dal 1948 ed oggi conta un milione e 400.000 iscritti in Italia. Le camminate, inoltre, si svolgono sono sempre in sicurezza; i responsabili del gruppo sono infatti esperte guide escursionistiche UISP e abilitati al pronto soccorso, portano sempre con loro un defibrillatore, corde, tracciati e attrezzatura tecnica, e pubblicano prima dell'iniziativa una brochure dedicata con caratteristiche, notizie e dettagli del percorso che i soci andranno a compiere. Tutto ciò perché fare sport fa bene a tutti; ma farlo in sicurezza, con gioia e nel pieno rispetto dell'ambiente è la priorità di questi inarrestabili camminatori catanzaresi.  

Galleria fotografica

2 Foto allegate



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code